Coltivazioni

TERRATECH COPRE L’INTERA GAMMA DEI SERVIZI AGROMECCANICI PER LE MAGGIORI COLTIVAZIONI DI CAMPO APERTO PRATICATE IN ROMAGNA

GIRASOLE girasoleHYB

_________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

MAISmais2
SORGOpiante-di-sorgo-20952687
PISELLIpiselli

________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________________

SOIAsoia
FAGIOLINOfagiolini
COLZAcolza

CORIANDOLOi34283_1002319

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________

COVER CROPSCover-Crop

__________________________________________________________________________________________________________________________________________________

L’ Agricoltura in Romagna è senza dubbio tra le più avanzate e multiformi del mondo. Sul territorio, non a caso, si sono sviluppate eccellenze agroalimentari di rilevanza internazionale e dove convivono tra loro le più diverse e articolate forme di valorizzazione delle Produzioni Agricole come gli ortaggi, la frutta frutta fresca, ed il vino.

A queste eccellenze si aggiungono le produzioni di pieno campo del nostro territorio, dalle orticole industriali, ai cereali, alle colture da seme, colture energetiche ecc. che coinvolgono più da vicino l’operatività di Terratech.

Per comprendere la rilevanza di queste produzioni sulla nostra economia, basta citare alcune tra le Aziende Emiliano Romagnole che le valorizzano in Italia e nel mondo:
- Aziende Molitorie, pastifici ecc. (es. Barilla, Spadoni ecc),
- Industrie di trasformazione lattiero – casearie di rilevanza mondiale  (es. Granarolo, Parmalat, Consorzio del Parmigiano Reggiano)
- Aziende di trasformazione e conservazione di prodotti da mensa (es. Apofruit, Orogel, Conserve Italia, Fruttagel ecc.)
- Aziende zootecniche avicole e suinicole di rilevanza Nazionale (es. Amadori, Martini ecc.)
- Aziende di lavorazione e valorizzazione dei foraggi (es. Gruppo Carli, Bagioni, Sopred)
- Oleifici per la valorizzazione di soia e girasole (es. Tampieri),
- Società Sementiere locali (es. CAC, Anseme, Suba, Sais) e multinazionali (es. KWS, SesVanDerHave, Syngenta, Strube ecc.)
- Biodigestori (una ventina di impianti biogas operativi sulla sola Provincia di Ravenna)

E’ perciò normale che le numerose opportunità di valorizzazione dei prodotti agricoli nella nostra Regione e della Romagna in particolare, consenta alle Aziende Agricole di scegliere tra una ampia gamma di coltivazioni, in base alla vocazione dei terreni, della disponibilità di acqua e della propria professionalità.

Riparto percentuale delle colture da campo aperto della Provincia di Ravenna (Coldiretti 2010)

Riparto percentuale delle colture da campo aperto della Provincia di Ravenna (Dati 2010)

Nel dettaglio, relativamente al territorio  di riferimento per Terratech,  l’agricoltura ravennate è costituita da 9.353 imprese iscritte alla C.C.I.A.A. che insistono su circa 117.245 ettari di superficie agraria utile.

Il valore della produzione agricola provinciale in larga misura proviene dal comparto frutticolo, viticolo, cerealicolo, zootecnico e complessivamente ammonta a circa 400 milioni di euro.
Il comparto fruttiviticolo occupa circa 40.000 ettari (23.000 Ha frutticolo, 17.000 Ha viticolo), quello cerealicolo oltre 42.000 ettari (23.000 Ha grano tenero, 7.300 Ha mais, 5000 Ha grano duro, ecc.). Le colture industriali si estendono per circa 5000 Ha (2.000 Ha barbabietole da zucchero, 5.000 Ha girasole, 800 Ha soia, ecc.) le colture orticole per circa 4.580 Ha (1.000 Ha di pomodoro da industria, 1.350 pisello fresco, 530 Ha fagiolino fresco, 510 Ha di cipolla, ecc.), le colture foraggere oltre 18.000 Ha.

 

Terratech, in questo contesto, facendosi carico di interpretare le esigenze e le opportunità dei propri Soci, si occupa di numerose colture, coprendo per la maggior parte di loro, l’intera filiera agromeccanica, nello specifico: